A volte nelle descrizioni delle nostre sciarpe potete trovare indicazioni sull’armatura del tessuto, ovvero su una sorta di schema che viene impostato montando il telaio, in modo che i fili si intreccino seguendo proprio questo schema. Qui metteremo a confronto alcune immagini per farvi capire meglio di cosa parliamo.

Come vedrete dalle foto, possiamo dire che l’intreccio di questi fili dà al tessuto una sorta di disegno di fondo. Può essere reso più evidente utilizzando fili di colore diverso oppure, nei capi a tinta unita, possono semplicemente dare una struttura e un effetto diverso al capo in questione.

Indipendentemente che siano tessuti a mano o a macchina, nel nostro negozio trovate principalmente:

Tela/Tessitura Semplice  (Plain Weaving) 

Tessitura semplice

è il tipo di armatura più semplice, ha una sola trama e una serie di orditi.  Si presta bene a stampe e disegni a mano, un po’ come una tela per dipingere. Si tratta di semplici incroci orizzontali e verticali dei fili di trama e ordito che bloccano i fili creando la struttura del tessuto. Nonostante la sua semplicità, questo intreccio permette tati effetti diversi a seconda della quantità dei colori usati, dello spessore dei fili e della loro quantità. Salvo stampe o ricami, dritto e rovescio sono identici.

Saia/Spiga (Twill Weaving)

Tessitura saia o spiga

Anche nel caso della saia l’armatura è di tipo semplice, ma l’intreccio dei fili di trama e ordito è obliquo. Il filo, quindi, si lega spostandosi in diagonale. Nella lavorazione base il filo di ordito passa prima sotto un filo di trama e poi sotto due mancando, quindi, un punto di legatura. Ha un dritto e un rovescio. Il tessuto così creato è spesso molto soffice e ben si presta a molti dei nostri accessori.

Diamante (Diamond Weaving)

Tessitura diamante

Più che una vera e propria armatura a sé la possiamo considerare come un particolare tipo  di tessitura a spiga, dato che la tecnica di base consiste nell’intrecciare i fili in modo che prendano una struttura diagonale. Il disegno, nello specifico, è composto da fili che hanno un andamento a zig zag orizzontale e verticale, formando dei piccolissimi rombi. Il disegno è uguale su entrambi i lati; il tessuto che ne deriva è sottile e con una buona struttura solida e compatta.

W (W Weaving)

Tessitura w weaving

Anche qui siamo davanti ad una struttura diagonale, quindi un’altra variante della Saia. In questo caso i fili assumono la forma di vere e proprie v, che possono essere evidenziate usando diversi colori a contrasto e vengono usati fili più spessi per dare più corpo e volume al disegno e, di conseguenza, al tessuto.

Jacquard (All Over Jacquard Weaving)

Tessitura jacquard

è un’armatura costituita da un intreccio più complesso ed è molto utilizzata nei tessuti orientali. Ad un telaio classico viene montato un macchinario contenente delle schede sulle quali si imprime (attraverso dei fori) il disegno che si vuole applicare sul tessuto. Semplificando molto il procedimento, i fili di ordito si muovono alzandosi grazie ad alcuni contrappesi che passando nei fori delle schede di cartone riescono a cadere, in base allo schema del disegno. In questo modo ogni volta solo alcuni fili riescono ad alzarsi e permettono ai fili della trama di passare creando il motivo desiderato. Si tratta, quindi, di un disegno che non è né stampato né ricamato ma impresso nella trama. Prende il nome dal suo inventore (siamo nel XVII secolo).

Raso (Satin Weaving)

Tessitura satin - Raso

Tra i prodotti che offriamo nel nostro negozio questo tipo di armatura lo troviamo quasi esclusivamente per i capi in seta. I punti di legatura sono molto più radi, in modo da nascondersi e dare l’effetto di un tessuto con una superficie completamente uniforme e liscia. Ha un dritto più lucido e un rovescio più opaco.